I grandi rastrellamenti nazi-fascisti dell’estate-autunno 1944 nel Vicentino

BIBLIOGRAFIA e FONTI

a completamento di quanto già pubblicato nel libro.

Scarica il file PDF qui: BIBLIOGRAFIA E FONTI

INDICE DEI NOMI

Scarica il file PDF qui: INDICE DEI NOMI

INDICE DEI LUOGHI

Scarica il file PDF qui: INDICE DEI LUOGHI

INDICE DELLE ORGANIZZAZIONI MILITARI – CIVILI E ALTRO

Scarica il file PDF qui: INDICE ORGANIZZAZIONI MILITARI

ERRATA CORRIGE

Scarica il file PDF qui: ERRATA CORRIGE

AGGIORNAMENTO CADUTI DEL GRAPPA

Scarica il file PDF qui: AGGIORNAMENTO CADUTI GRAPPA

IL SANGUE DEI VINTI…

Montecchio Precalcino 6 e 13 maggio 1945

IL SANGUE DEI VINTI…

Per i fascisti, violenze e oltraggi

o simboliche e fortunate espiazioni?

A Montecchio Precalcino, un altro esempio di memoria collettiva manipolata, si trova nelle vicende legate al periodo immediatamente successivo alla Liberazione e alle violenze cui sarebbero rimasti vittime alcuni fascisti.

Si favoleggia di alcuni partigiani, non quelli veri, ma quelli “dell’ultima ora”, cioè quelli saliti sul carro del vincitore all’ultimo momento, che con “inaudita violenza” hanno “oltraggiato” persone rispettabili che “nulla di male avevano fatto”, tagliando i capelli a delle brave donne e obbligando alcuni stimati uomini a camminare a carponi, a gattoni, cioè a quattro gambe.

Un’altra “leggenda paesana” che merita di essere sfatata e sbugiardata.

Scarica il file PDF qui: IL SANGUE dei VINTI A MONTECCHIO PR